Back to top
make a cube diventa a|cube

Make a Cube³ diventa a|cube

Siamo partiti quasi dieci anni fa con la voglia di conoscere e supportare nuovi protagonisti dell’innovazione. Li avevamo chiamati Change maker. Persone dietro a progetti, startup ed organizzazioni che credono che un modo diverso di fare impresa possa esistere.

Con loro abbiamo provato a costruire proposte alternative. Abbiamo messo a loro disposizione tutte le nostre competenze ed energie. Li abbiamo osservati, affiancati e consigliati. Ed insieme abbiamo disegnato modelli, tracciato processi; abbiamo contestualizzato interventi, costruito reti di sostegno per fronteggiare i rischi e aumentare la competitività.

A distanza di tempo, con soddisfazioni ed errori alle spalle, possiamo guardarci intorno ed osservare il lavoro che abbiamo fatto. Alcune di quelle che erano buone intenzioni oggi sono azioni trasformative. Altre sono diventate stimolo per prossimi tentativi, con alle spalle imprenditori sociali che hanno abbandonato l’idea iniziale, dedicandosi ad altro, arricchiti comunque da un percorso che vede l’errore e i dubbi come un valore.

Il risultato più importante è che diverse tra le realtà incontrate contribuiscono oggi alla promozione culturale e all’educazione del nostro paese, all’aggregazione sociale, alla salute e al benessere, alla gestione equa e rispettosa delle risorse. Alcuni di quelli che erano “segnali” si sono rivelati nel tempo essere gli ingredienti di una nuova economia possibile.

Dopo anni abbiamo la conferma che il nostro compito è stato e sarà, in modo ancor più forte, quello di sostenerli, sia nei momenti iniziali del processo di sviluppo sia nella sfidante fase di crescita e maturazione progressiva, verso un più consapevole e incisivo impatto positivo nella società.

Continueremo a farlo con il know-how che abbiamo sviluppato, l’empatia che ci caratterizza, le relazioni che ci danno forza; con gli strumenti che abbiamo affinato nel corso degli anni e che non smetteremo mai di arricchire adattandoli a contesti, realtà, tempi e sfide. Ci impegniamo a creare impatto, un’idea alla volta. .

Con l’apertura del nuovo fondo di investimento a|impact  la nostra filiera si rafforza. Creare modelli di business sostenibili, d’impatto e scalabili sarà la nostra missione.

L’incubazione nel sistema Avanzi non è solo progettazione; è creazione di impresa nei territori, è rigenerazione di luoghi, è innovazione aperta tra organizzazioni. È fornire la concreta possibilità a tutti di esprimere il proprio desiderio di fare e trasformare. Questo grazie all’aiuto della rete di soggetti privati e pubblici che lavorano al nostro fianco, con la nostra stessa convinzione.

Per questo abbiamo ritenuto importante rifarci il look, rafforzando il senso e il significato delle nostre origini.

Make a Cube³ diventa a|cube, assumendo i contorni, i tratti ed i colori della casa madre Avanzi; un nome che ne porta la sua matrice sottolineandone il senso di appartenenza. a|cube è parte integrante di un sistema che vive grazie all’insieme e alla profonda interazione delle sue parti.

Da oggi siamo a|cube, una società benefit che si occupa di incubazione e accelerazione di idee e imprese a impatto sociale, che accoglie le sfide del presente rivolgendo sempre lo sguardo verso il futuro.

Comments

  • January 8, 2020
    reply

    Wayne Cooper

    Vivamus elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, antero consequat vitae, eleifend ac, enim. Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus.

    • January 8, 2020
      reply

      Doris Mitchell

      Donec quam felis, ultricies nec, pellentesque eu, pretium quis, sem. Nulla consequat eliter massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu.

  • January 8, 2020
    reply

    Aaron Kim

    Etiam rhoncus. Maecenas tempus, tellus eget condimentum rhoncus, sem quam semper libero, sit amet adipiscing sem neque sed ipsum. Aliquam lorem ante, dapibus in, viverra quis, feugiat a, tellus.

  • September 8, 2020
    reply

    Pingback: a|

Leave a comment:

d
Follow us