fbpx
Back to top
relazione di impatto a|cube

La prima relazione di impatto di a|cube

Di Alberto Muscari Tomajoli, consulente senior a|cube

Prima relazione di impatto per a|cube, dopo un rebranding – di cui vi abbiamo parlato qui – che ha permesso di scrivere formalmente ciò che è sempre stata, fin dalla sua costituzione, dieci anni fa: una Società Benefit.

Torniamo indietro al 2011: «Sin dagli inizi – racconta Davide Dal Maso, Ceo di a|cubeavevamo ben chiaro che il vestito della società di capitali, così come disciplinato dal codice civile, ci sarebbe stato stretto: l’idea che un’impresa, esercitata attraverso quella formula, potesse essere orientata esclusivamente alla soddisfazione degli interessi economici dei soci ci sembrava limitante».

Già allora c’era nei fondatori, e cioè dentro Avanzi S.p.A SB – che detiene il 100% di a|cube – la scelta di costruire uno strumento organizzativo che non dovesse ipotecare la definizione dei suoi fini. Per questo nello statuto erano state scritte una serie di misure che potessero orientare la gestione della società verso un approccio realmente multistakeholder.
«In questi dieci anni di attività – conclude Dal Maso – abbiamo sviluppato la nostra proposta di valore perseguendo obiettivi orientati all’incremento della sostenibilità sociale e ambientale delle nostre azioni».

Società Benefit antesignana nei fatti, quindi, e oggi chiamata dalle norme della legge ad hoc a pubblicare la sua relazione di impatto 2020. Si è trattato di un esercizio necessario, ma soprattutto utile per nuove domande di senso e per mettere in discussione degli assunti che non erano mai stati davvero sottoposti alla prova dei numeri.

Diamo i numeri: il 2020

relazione di impatto a|cube

 

 

I numeri sono numeri. E dietro questa attività di rendicontazione c’è la misura di un impatto che proviamo a moltiplicare con un semplice gioco: immaginiamo dietro a ogni numero dei partecipanti, per esempio, le singole vicende e storie che esistono e che attraversano le nostre attività.
La consapevolezza che incubare e accelerare significhi partecipare alla costruzione di dinamiche che sono spesso parte delle mutazioni di contesti amministrativi o di vita sul territorio, spinge la potenza del dato in una dimensione ancora più avvolgente.

La riprova in alcune citazioni che vengono dai nostri questionari interni o dalle interviste che abbiamo realizzato per questa relazione 2020: «Grazie per l’impegno e le competenze messe a nostra disposizione»; «È stato molto importante confrontarsi con persone esterne ed esperte sui diversi argomenti trattati»; «La formazione è stata molto accurata, precisa e approfondita».
E ancora altre parole che ritornano in questi feedback positivi: supporto, efficienza, coordinamento, radicamento locale e respiro nazionale.

 

La realizzazione di questa prima relazione ha richiesto un livello di (auto) analisi profondo, un esercizio non affatto scontato che ci ha portato a interrogarci sul vero cambiamento che a|cube come incubatore e acceleratore di idee e business ad alto valore sociale, culturale ed ambientale è in grado di promuovere e mira a realizzare nel medio-lungo termini nella società in cui opera.

È stata un’importantissima occasione per ripensare alla nostra vision e mission ma soprattutto ai principi cardine che guidano il nostro lavoro: collaborazione, cura, inclusività e connessione.

Come è necessario che sia per la realizzazione di una relazione di impatto realmente rappresentativa, è stato fondamentale, inoltre, il confronto con tutti gli stakeholder con cui quotidianamente ci confrontiamo: dai membri dalle organizzazioni con cui realizziamo in nostri percorsi di formazione e affiancamento fino ai nostri committenti, tra cui le fondazioni, la pubblica amministrazione e il mondo corporate.
Questo lavoro di confronto e approfondimento ci ha permesso quindi di analizzare anche in chiave strategica e prospettica il nostro ruolo permettendoci di rappresentare quell’immagine di cambiamento già delineata con azioni concrete in tutti questi anni ma che solo grazie a questa relazione, e a quelle future, potrà esser ritratta in maniera sempre più nitida e vivida.

Valutare l’impatto di a|cube significa analizzare il nostro contributo alla generazione di cambiamenti positivi (outcome) per i nostri stakeholder, che possiamo riassumere così: contribuire alla creazione di un sistema imprenditoriale orientato alla risoluzione delle più urgenti sfide sociali, su scala nazionale.

La relazione di impatto di a|cubeScarica il pdf della Relazione di Impatto di a|cube

 

Una nuova generazione di imprenditori orientati all’impatto

Un ultimo aspetto che vogliamo sottolineare riguarda il contributo allo sviluppo di una nuova generazione di imprenditori orientata all’impatto. I dati emersi testimoniano, infatti, la capacità dell’incubatore di orientare strategie e scelte di business nella direzione dell’impatto sociale o ambientale. Ciò implica che vi sia un effettivo contributo alla creazione di nuovi modelli di business integrati in grado di perseguire obiettivi sociali e di business in modo sinergico.
Questo aspetto è di determinante importanza, in quanto l’ambito impact rappresenta di fatto una delle principali linee strategiche di a|cube. Validare questi aspetti è stato, quindi, particolarmente utile a livello di sviluppo strategico.

d
Follow us